MANUALE IN ITALIANO DI NEWSPLEX


  Per quanto riguarda NewsPlex è consigliata la lettura di "NewsPlex for Newbies", in italiano realizzato da Enkidu

 La traduzione della guida di NewsPlex è stata realizzata da Eaglestorm


Versione 2.1 Febbraio 2000
Copyright © 1999-2000 - Adam Mirowski

====================================================================
Il manuale di NewsPlex di Adam Mirowski è stato tradotto a cura di
Massimo Cerro che ha cercato di renderne la traduzione quanto più
accurata possibile. I due autori non sono legati da nessun rapporto
economico, ma hanno collaborato limitatamente alla stesura di questa
traduzione per la quale, considerandone lo spirito volontaristico,
nessuno dei due può essere ritenuto responsabile per errori,
omissioni o imprecisioni.

Per segnalazioni e consigli esclusivamente rivolti al lavoro di
traduzione, puoi contattare Massimo Cerro scrivendo a maxbyte@iname.com

Tutti i marchi e prodotti citati,
appartengono ai rispettivi proprietari.
====================================================================

Note del traduttore

Nei limiti delle mie capacità ho cercato di rendere quanto più letterale possibile la traduzione. Tuttavia, con ciò sono incappato in alcuni problemi che potrebbero limitarne la comprensibilità. Ritengo quindi necessario fornire una breve spiegazione di alcune parole o concetti piuttosto ricorrenti nell'originale dell'autore, ma in alcuni casi non comuni (esplorazione, descrizione, caricamento asincrono)

  • newsserver locale: è un software che emula il funzionamento del news server remoto (o di più server remoti) replicandone il contenuto, o parte di esso, per renderlo accessibile localmente al client, generalmente attraverso l'indirizzo IP 127.0.0.1.
  • newsreader: è il client che permette di caricare gli articoli dal newsserver (es. Outlook Express).
  • telnet: interfaccia originaria di tutti i protocolli Internet, su Windows equivale a un programmino che può essere avviato dal Prompt di Ms-Dos.
  • background: immagine o applicazione che sta dietro, talvolta nascosta ai nostri occhi, senza alcuna finestra. Foreground è il suo contrario.
  • caricamento asincrono: in questa traduzione indica la capacità di caricare gli articoli che ci interessano solo dopo l'esplorazione del newsgroup.
  • esplorazione: in questa traduzione sostituisce "caricamento" o "retrieving delle intestazioni". Con l'esplorazione, NewsPlex ottiene l'elenco degli articoli disponibili in remoto comprensivo di una descrizione di tali articoli. In taluni casi, esplorazione identifica il "caricamento dei nuovi gruppi".
  • descrizione degli articoli: sono le cosiddette "header", un insieme di campi che identificano inequivocabilmente l'articolo (Message-ID) e forniscono informazioni aggiuntive come provenienza, data, newsgroup, indice remoto, riferimenti precedenti, dimensione, numero di righe.
  • articoli multi-part: come suggerisce il nome sono articoli formati da più parti che a loro volta appaiono come articoli.
  • modello: traduzione di pattern, identifica un'espressione regolare PCRE o un filtro basato su wildcard (* e ?).

Introduzione

NewsPles è un newsserver che si potrebbe definire multiplo (multiplexer). Permette a ogni newsreader di accedere simultaneamente a più newsserver, unendo il loro contenuto in modo trasparente in un singolo newsserver. NewsPlex unisce gli elenchi dei newsgroup proposti da più newsserver in un solo elenco, e per ogni newsgroup, unisce gli elenchi degli articoli disponibili su più newsserver in un solo elenco di articoli. NewsPlex non carica gli articoli prima che il newsreader li richieda. Esso crea solo un indice locale reindirizzando il caricamento degli articoli quando necessario.

Inoltre, NewsPlex può essere usato per esplorare un ampio elenco di newsserver per valutare la loro capacità di servizio. Questo viene chiamato «Minimal mode».

NewsPlex gira sul vostro computer (o possibilmente su un'altra macchina) e appare come un newsserver standard al vostro newsreader e come un newsreader al vostro newsserver. Esso perciò si può paragonare a un proxy a una web cache.

NewsPlex all'avvio può essere pilotato attraverso delle opzioni a riga di comando, oppure dinamicamente attraverso telnet o utilità sostitutive (web browser).

Altre caratteristiche

NewsPlex può servire più newsreader allo stesso tempo, permettendo di essere controllato dalla Rete mentre già dialoga con alcuni newsreader.

NewsPlex può essere disgiuntamente inserito tra i vostri newsserver e il vostro newsreader, senza alterare gli elenchi dei newsgroup o la numerazione degli articoli.

Per richiedere gli articoli NewsPlex sceglie sempre il newsserver migliore (più veloce) tra quelli che li dispongono. I rimanenti newsserver vengono usati se il migliore non è in grado di consegnare l'articolo. I server sono valutati dinamicamente in base alla loro velocità, latenza e disponibilità.

NewsPlex chiuderà la connessione al newsreader nel caso di errori sorti nel mezzo del caricamento di un articolo, tipicamente newsserver timeout. Le limitazioni del protocollo NNTP non permettono il recupero di queste situazioni. Tuttavia, NewsPlex registrerà la condizione di errore e, se l'articolo verrà nuovamente richiesto, impiegherà un newsserver differente per caricarlo.

NewsPlex può girare in background, permanentemente. Esso esplora periodicamente i newssever per mantenere aggiornato il suo database di articoli.

NewsPlex non ha bisogno di essere fermato nel caso di caduta della connessione alla Rete, per esempio nel caso in cui vi disconnettiate dal vostro ISP. Esso attenderà fino al ripristino della connessione e continuerà le operazioni.

NewsPlex è in grado di usare ogni newsserver come risorsa, anche i newsserver che implementano versioni molto vecchie di protollo di trasferimento news, e nonostante ciò rivelerà sempre al newsreader un'interfaccia moderna. Gli errori sopraggiunti durante l'esplorazione dei newsserver sono spesso ripristinati attraverso riavvio, differimento oppure ripetizione dei tentativi.

NewsPlex supporta la connessione ai newssever sia direttamente che attraverso un proxy server (SOCKS 5 oppure Sun-specific).

NewsPlex ha alcune semplici possibilità per filtrare lo spam basate sui campi From e Message-ID presenti nella descrizione degli articoli. Sono supportate le wildcard.

Caricamento asincrono degli articoli

News Plex supporta il caricamento asincrono degli articoli. Invece di fornire immediatamente un articolo, NewsPlex può invece ricordarsi che è stato richiesto e caricarlo indipendentemente e in parallelo con l'operazione del newsreader. Il newsreader restituisce un finto articolo, che informa semplicemente del caricamento asincrono in avanzamento. Il vero articolo sarà disponibile sui newsgroup asincroni, gestiti localmente da NewsPlex, non appena terminato il relativo caricamento. Avere articoli caricati asincronamente visibili in un newsgroup separato permette di usare le capacità del newsreader per gestire articoli multi-part (ricorrenti nei gruppi binari). NewsPlex modifica leggermente i Message-ID all'interno dei messaggi caricati asincronamente in modo che i newsreader siano in grado di rivelare i crosspost considerandoli diversamente dal finto articolo restituito inizialmente.

Il caricamento asincrono degli articoli viene accellerato ponendo in parallelo le operazioni ed eliminandone i movimenti di pausa.

  • E' utile quando gli articoli sono disponibili da più newsserver e il collo di bottiglia nella banda si trova in remoto, in modo da richiedere più articoli da più newsserver in parallelo e offrire un avanzamento più veloce;
  • E' anche utile, allora, per disporre diverse connessioni se un newsserver risponde lentamente o limita la velocità di una singola connessione;
  • Permette di caricare vasti gruppi di articoli da newsserver che diventano temporaneamente indisponibili; la maggior parte dei newsreader si fermerebbe al primo errore;
  • Infine, permette di usare il newsreader per fare qualcos'altro durante il caricamento di articoli binari o di grandi dimensioni.

Si può programmare un numero arbitrario di articoli da caricare, mentre si può eseguire un numero fino a 4 operazioni (questo può essere personalizzato con il parametro "-a" nella linea di comando). NewsPlex registra quali articoli rimangono da caricare anche dopo chiusura e riavvio e cercherà di terminarne il caricamento la volta successiva.

Quando usare NewsPlex?

NewsPlex è utile quando il vostro principale newsserver non offre tutti i newsgroup che vi piacerebbe leggere, oppure quando questi newsgroup sono incompleti (per esempio alcuni articoli potrebbero essere filtrati o alcune parti di articoli multi-part non comparire), oppure quando il lasso di tempo per la permanenza degli articoli sul newsserver è troppo breve (expiration delay).

Se il vostro newsserver non è degno di fiducia, diventando facilmente irraggiungibile o fornendo errori di timeout, NewsPlex isolerà il vostro newsreader da questi errori, eseguendo in background i necessari tentativi e vi permetterà di operare nel minor tempo possibile e senza fatica.

Pochi newsreader permettono di usare più newsserver allo stesso tempo, ma nessun newsreader da me conosciuto permette di caricare trasparentemente gli articoli da più newssever a favore di un solo newsgroup o neppure è in grado di richiedere un articolo da più newsserver fino al definitivo successo. NewsPlex permette di scegliere il newsreader in base ad altri criteri che non le abilità tecniche.

Autore

Adam Mirowski <mir@chorus.fr>

NewsPlex nella versione 2.1 è freeware. Viene distribuito nella speranza che possa tornare utile, ma SENZA ALCUNA GARANZIA; nemmeno senza le garanzie implicite di COMMERCIABILITÀ o CONFORMITÀ PER UN PARTICOLARE SCOPO. Potete usarlo a vostro rischio e pericolo e riportare qualsiasi problema in cui vi siate imbatutti nel suo impiego. Siete liberi di copiare questo software SOLO se includete questo file e ogni altro file che lo accompagna. NON potete richiedere danaro ad alcuno per la copia di questo software, né quote a copertura delle spese di copia. NON potete includere questo software insieme ad alcun software commerciale senza prima ottenere il consenso scritto dell'autore.

Installazione e configurazione

Decomprimete l'archivio contenente NewsPlex in qualsiasi cartella di vostro piacimento. Dovreste avere un file eseguibile newsplex.exe e un file di aiuto newsplex.htm in formato HTML (tradotto con questo documento). Dovrebbere anche esserci due file di testo file_id.diz e descrip.ion con la descrizione di tutti i file presenti nell'archivio. Infine, è presente anche l'icona del programma, newsplex.bmp.

Per partire, NewsPlex richiede una sub-cartella e due file contenuti in essa. Essi debbono essere localizzabili dalla cartella dalla quale NewsPlex viene avviato oppure in una diversa cartella indicabile con il paramentro -d nella linea di comando. Questa cartella diventerà la "cartella di lavoro" (work directory).

Nome file

Descrizione


config/servers

Questo file di testo contiene l'elenco dei newsserver da usare e identifica quello principale. Può anche specificare quale proxy, se presente, dovrebbe essere usato per accedere al dato newsserver.

Ogni riga descrive un singolo newsserver e ha il seguente formato:

server-number server-url [flags] [# comment]

Ad esempio:

1 news1.yourisp.com # server senza login 
-2 mylogin:mypass@news2.yourisp.com # server con login
# su server princ.
3 news3.yourisp.com:4000 # server sulla porta 4000
# questo è un commento

server-number deve essere unico per ogni newsserver e più grande di 0, eccetto la voce relativa al newsserver principale. Identifica il newsserver nel database degli articoli e non può essere modificato una volta in cui il newsserver è stato esplorato.

Se il server-number è negativo, il newsserver sarà considerato come newsserver principale. Solo un newsserver può essere definito principale (main).

flags per ora non sono documentate; non usatele.

E' possibile aggiungere una riga di commento che inizia con #, oppure mettere i commenti a fine riga sempre comincianti con #.

Una riga contenente solo la parola exit farà in modo che NewsPlex ignori il resto del file. Una riga contenente solo la parola dontupdate farà in modo che NewsPlex non aggiorni automaticamente i newsserver che seguiranno.

Proxy

NewsPlex, in modo predefinito, tenta di connettersi direttamente ai newsserver. E' tuttavia possibile specificare un proxy per ogni newsserver. Prima, definendo un elenco di proxy che intendete usare, con voci come questa:

proxy proxy-url,proxy-number

Proxy-url deve iniziare con il tipo di proxy, sia esso none oppure socks5://, oppure socks5b://, oppure sun://. none significa che nessun proxy dovrebbe essere usato. Se il tipo non è none, il proxy-url dovrebbe allora specificare il nome del proxy server, la porta su di esso (1080 viene predefinita per i server socks5 e socks5b e 3666 per quelli sun), come del resto il login e la password necessari. Il proxy-number deve essere un numero intero tra 0 e 2. Il proxy-number predefinito è 0.

Nota: i server socks5b sono server socks5b bacati. Se osservate che NewsPlex non è in grado di connettersi a livello NNTP con alcun newsserver mentre il file logs/results sembra troncare i messaggi di benvenuto provenienti da essi, con i primi sei caratteri mancanti (ad esempio, invece di 200 newsservernome... vedete wsservernome..., e invece di 502 You are not allowed to talk leggete u are not allowed to talk), usate socks5b invece di socks5 per definire il tipo del vostro proxy.

Per ogni voce di newsserver, è possibile referenziare il proxy nel server-url aggiungendo un finale ,proxy-number ad esso. In modo predefinito si assume un valore pari a 0. Per modificare velocemente un file config/server usato su di una connessione Internet in modo che possa essere impiegato in una Intranet con proxy, basta aggiungere una riga inziale definendo proxy 0. Ad esempio:

proxy socks5://login:pass@socksproxy:1080,0
proxy none,1
proxy sun://oursunproxy,2

1 news1.yourisp.com,0 # server remoto, via proxy 0
2 mylogin:mypass@companyserver,1 # server locale,
# niente proxy
3 news3.yourisp.com:4000,0 # un'altro server remoto,
# usa proxy 0
4 news4.someisp.com,2 # usa sun proxy 2

Notate che tutti gli ,0 non sono attualmente necessari.


config/groups.yes

Questo file contiene il nome dei newsgroup che dovrebbero essere caricati dal newsserver e offerti al newsreader. I nomi dei newsgroup possono contenere le wildcard * e ?. Ad esempio:

*midi*
*music*

Pensateci due volte prima di mettere una singola * in una riga all'interno del file config/group.yes dato che farà si che NewsPlex interroghi tutti i newsgroup di tutti i newsserver creando un enorme database degli articoli. In media, sono richiesti circa 200 kilobyte per archiviare le descrizioni degli articoli per un solo newsgroup.


Dovreste selezionare il vostro attuale newsserver come principale (main). NewsPlex dopo si sincronizzerà con esso quando si avvierà la prima volta così da fornire gli stessi newsgroup e numeri di articoli. In questo modo, il vostro newsreader non sarà confuso su quali articoli ha già letto e quali no. NewsPlex dopo completerà l'elenco dei newsgroup e degli articoli con quanto gli altri server offrono.

Il newsserver principale (main) è sempre usato per postare gli articoli.

Se non viene selezionato alcun newsserver come principale (main), NewsPlex considererà tutti i newsserver come tali e li esplorerà simultaneamente numerando gli articoli cominciando da 1 in avanti.

Due ulteriori file sono opzionali:

Nome file

Descrizione


config/groups.no
(optional)

Questo file indica i nomi di newsgroup indesiderati che potrebbero essere selezionati attraverso config/groups.yes. Nessuna wildcard viene ammessa. Ad esempio:
  alt.music.boring
alt.midi.lame
  

config/groups.fix
(optional)

Questo file indica i newsgroup che non dovrebbero mai essere esclusi da parte del file config/groups.yes. Questo rappresenta una sicurezza ulteriore contro il rischio di mettere contenuti sbagliati in quel file. Ad esempio:
  alt.music.best
alt.midi.best

Se un newsgroup sparisce da un newsserver, questo file permette di classificarlo come ricercato (Wanted), indesiderato (Unwanted) se è presente nel file config/groups.no, oppure accetto (Accepted) se non era in nessuno di questi file.

config/groups.fix è anche usato per generare informazioni sulla qualità del newsserver, quale percentuale di gruppi di vostro interesse fornisce.


Se modificate qualcuno di questi file, avrete bisogno di riavviare NewsPlex prima che le modifiche vengano tenute in considerazione. Il riavvio può essere compiuto con il comando NPRESTART oppure terminando (Ctrl+Alt+Canc) e riavviando NewsPlex.

Operazioni

NewsPlex è un programma che funziona in modalità console. Può essere convenientemente avviato sia da una finestra in modalità comand, sia attraverso un collegamento sul desktop. NewsPlex non ha bisogno di parametri in linea di comando per operare. Dopo il setup dei file di configurazione, potete avviare NewsPlex scrivendo il suo nome in una finestra MS-Dos. Dopo potrete connettere il vostro newsreader alla macchina chiamata localhost (oppure indirizzo Internet 127.0.0.1) alla porta standard NNTP 119. Attenzione, NewsPlex avrà prima bisogno di esplorare almeno un newsserver prima di offrire newsgroup e articoli.

Per escludere NewsPlex quando avviato, potete inviare alla finestra MS-Dos un segnale Ctrl-C oppure Ctrl-Break. Potete anche cliccare sul bottone di chiusura della finestra oppure sulla funzione di chiusura apposita nel menù a tendina.

E' anche possibile fermare NewsPlex da un'interfaccia Web o attraverso telnet (telnet localhost 119) fornendo il comando NPSHUT.

Come già ricordato, potete terminare NewsPlex usando il pulsante di fine del Task Manager (finestra di dialogo Ctrl+Alt+Canc).

File e cartelle create

Durante il suo operato, NewsPlex crea una serie di file e sottocartelle nella cartella di lavoro.

Nome file o cartella

Descrizione

database La cartella database contiene il database degli articoli. Contiene un file per ogni newsgroup fornito da NewsPlex. Ogni file ha una riga per articolo. Essa descrive l'articolo e indica da quale newsserver viene portato. Non modificate questi file.
async La cartella async viene usata quando è attivo il caricamento asincrono degli articoli. Essa archivia sia file di controllo che gli stessi articoli.
async/scheduld Il file async/scheduld contiene l'elenco degli articoli che sono stati caricati in modo asincrono. Viene cancellato a ogni avvio di NewsPlex insieme al file async/done se tutti gli articoli sono stati processati.
async/done Il file async/done contiene l'elenco degli articoli caricati in modo asincrono che sono stati completamente processati. Viene cancellato a ogni avvio di NewsPlex insieme al file async/scheduld se tutti gli articoli sono stati processati.
async/summary Il file async/summary archivia il log degli articoli caricati in modo asincrono. Rientrano nel log sia i tentativi riusciti che quelli falliti. Per un dato articolo, possono esserci più log falliti seguiti da quello riuscito. Oppure, l'ultimo log può rappresentare un fallimento totale, ad esempio dopo la cancellazione dell'articolo da tutti i server a cui può essere richiesto.
async/xxxxxxxx.ok I files async/xxxxxxxx.ok, dove x sono cifre esadecimali, sono articoli caricati in modo asincrono. Essi sono anche visibili nel newsgroup async generato localmente da NewsPlex. Vengono cancellati nel momento in cui vengono caricati con successo la prima volta da un newsreader.
Se un articolo non potesse essere caricato, per esempio perché è stato cancellato da tutti i newsserver, allora il file async/xxxxxxxx.ok conterrà solo un messaggio di errore per NewsPlex, formattato come un articolo news.
async/xxxxxxxx.log I file async/xxxxxxxx.log, dove x sono cifre esadecimali, sono registrati come articoli caricati in modo asincrono. Essi esistono solo durante l'avanzamento del caricamento degli articoli e quando questo viene completato vengono aggiunti al file async/summary file.
async/xxxxxxxx.tmp I file async/xxxxxxxx.tmp, dove x sono cifre esadecimali, sono articoli che sono stati ricevuti in modo asincrono. Dopo il termine del caricamento degli articoli, questi file sono rinominati in async/xxxxxxxx.ok e diventano visibili nel newsgroup async generato da NewsPlex.
async/xxxxxxxx.bad I file async/xxxxxxxx.bad, dove x sono cifre esadecimali, sono articoli che non sono stati completamente caricati a causa di errori temporanei. Questi file hanno sempre una dimensione maggiore di zero, altrimenti non vengono tenuti. Durante il tentativo successivo di caricamento, essi sarnno cancellati e sostituiti con file async/xxxxxxxx.ok.
etc La cartella etc ospita i vari file di output che NewsPlex crea e qualchevolta riutilizza.
etc/groups.new Il file etc/groups.new registra i newsgroup che appaiono in NewsPlex. Viene scritto sul momento, ma mai letto e può essere sempre cancellato. Ogni riga di etc/groups.new contiene la data dell'inserimento del newsgroup, espressa in secondi intercorsi dal 1/1/1970 e il nome del newsgroup.
etc/popular Il file etc/popular registra la popolosità dei newsgroup, che viene misurata come numero totale e dimensione degli articoli caricati dal newsgroup. Nell'esplorare un newsserver, NewsPlex per prima cosa individua i newsgroup più affollati. Ogni riga del file etc/popular contiene il numero di articoli richiesto e la dimensione totale di questi articoli, la data dell'ultimo articolo caricato espressa in secondi intercorsi dal 1/1/1970 e il nome del newsgroup.
etc/retrievd Se viene impostato il parametro -R nella linea di comando, NewsPlex archivia nel file etc/retrievd i campi Message-ID di tutti gli articoli che sono stati caricati con successo dal newsreader. Questo file viene anche usato quando viene specificato il parametro -M (leggete la sezione sotto).
explore La cartella explore archivia i file log risultanti dall'esplorazione dei newsserver. I file log sono nominati dopo i newsserver.

Ogni esplorazione dei newsserver condivide lo stesso scenario registrato nel file:

  1. NewsPlex richiede i newsgroup che corrispondono i modelli contenuti all'interno di config/group.yes
  2. NewsPlex crea un elenco di gruppi di interesse. La prima colonna rappresenta il numero degli articoli, la seconda colonna rappresenta il nome del gruppo.
  3. NewsPlex mostra quali newsgroup sono scomparsi rispetto all'ultima esplorazione.
  4. NewsPlex esplora ogni newsgroup usando il file newsrc per evitare il doppio caricamento della stessa descrizione e usando la statistiche del file etc/popular per esplorare prima i newsgroup più affollati. I newsgroup che non sono mai stati visitati, saranno esplorati in ordine di tempo, grazie alle informazioni timestamp contenute nel file newsrc.

Questa cartella viene custodita quando NewsPlex viene terminato. I file all'interno possono essere cancellati in ogni momento, ad eccezione di quando sono acceduti da NewsPlex. Se un file di log diventa troppo grande, un nuovo file viene fatto iniziare, mentre quello vecchio viene rinominato in .bak. Il precedente file .bak viene cancellato.

journal Il file journal registra alcuni eventi e condizioni non appena NewsPlex viene avviato, quali l'inizio delle esplorazioni nei newsserver e le connessioni dei newsreader. Questo file viene rinominato in .bak ogni volta in cui NewsPlex riparte oppure ogni volta in cui questo file supera certi limiti di dimensione. Il precedente file .bak, se esistente, viene cancellato.

Quando NewsPlex viene terminato, inserisce all'interno del file journal alcune informazioni di riepilogo circa l'uso dei newsserver durante la sessione, allo stesso modo del risultato del comando NPSERVERS.

list La cartella list archivia temporaneamente l'elenco completo dei newsgroup portati dai newsserver che non trovano corrispondenza alcuna nei modelli. Viene automaticamente cancellata quando NewsPlex termina.
logs La cartella logs ospita vari file di output che NewsPlex crea ma non riutilizza. Il suo contenuto può essere cancellato in qualsiasi momento.
logs/cliXXX I file logs/cliXXX registrano i comandi emessi dal vostro newsreader e la risposta ottenuta. xxx è un numero identificativo. Una volta che il newsreader si è disconnesso, il contenuto del suo file logs/cliXXX è aggiunto a logs/clients e il file logs/cliXXX viene cancellato.
logs/clients I file logs/clients registrano la chiusura delle sessioni da parte del vostro newsreader. Può essere cancellato in ogni momento.
logs/results Il file logs/results indica i risultati delle esplorazione dei newsserver. Ogni riga ha questo formato:
      server-url [flags] # result (comment) 

Questo file viene tenuto quando NewsPlex termina. Può essere cancellato in ogni momento. Nota che questo file ha lo stesso formato del file config/servers più grezzo (leggere il funzionamento del parametro -r più sotto). Se avete definito proxy per accedere ai newsserver, saranno copiati in questo file.

logs/unusable Il file logs/unusable viene solo creato in modalità minima (Minimal) (parametro -m a riga di comando). Esso contiene i log delle esplorazioni per tutti i newsserver che non hanno alcun gruppo di interesse oche potrebbero non essere contattati. Può essere cancellato in qualsiasi momento.
logs/intruder Il file logs/intruder registra le connessioni in ingresso rigettate. Per ogni connessione vengono archiviati la data, l'indirizzo IP, la porta IP e il nome dell'ospite. Questo file può essere cancellato in qualsiasi momento, ma vi permette di controllare occasionalmente se qualcuno provasse a usare NewsPlex sulla vostra macchina senza autorizzazione.
newsrc La cartella newsrc contiene un file per newsserver usato. Esso rileva quali newsgroup sono stati esplorati sul newsserver e quali descrizioni degli articoli sono state caricate da esso.

Il formato dei file nella cartella newsrc e le informazioni in essi contenute non sono assimilabili ai file newsrc o .newsrc usati dal newsreader. Le righe che cominciano con una tabulazione contengono il nome di un newsgroup e la data della sua ultima esplorazione, mentre le righe rimanenti contengono l'intervallo del numero degli articoli per il quale le descrizioni sono già state caricate.

Potete cancellare un file corrispondente a un newsserver per forzare NewsPlex a caricare l'intero elenco degli articoli per ogni newsgroup alla prossima esplorazione del newsserver. Tuttavia, questo quasi certamente creerà riferimenti pendenti nel database contenente la descrizione degli articoli. Questi riferimenti possono essere rimossi con il comando NPCHECKGROUPS, preferibilmente dopo che il newsserver è stato nuovamente esplorato.

panic Il file panic viene creato se NewsPlex incontra un errore interno non rimediabile. Una volta che un breve messaggio viene registrato in questo file, NewsPlex termina.

Comandi

NewsPlex supporta la maggior parte dei comandi NNTP al fine di servire i newsreader: ARTICLE, BODY, GROUP, HEAD, HELP, LAST, LIST, LIST ACTIVE, LISTGROUP, MODE READER, NEWGROUPS, NEXT, POST, QUIT, SLAVE, STAT, XHDR e XOVER

Osservate che benché il comando STAT potrebbe essere eseguito completamente in locale, esso raggiunge il newsserver al fine di permettere l'accertamento della disponibilità di un articolo.

NewsPlex aggiunge anche alcuni comandi di suo, che non sono intesi per l'impiego tramite newsreader, ma piuttosto da un operatore. Questi comandi possono essere immessi dopo aver aperto una connessione telnet al vostro computer "telnet localhost 119".

Viceversa, è possibile abilitare l'interfaccia del browser web in NewsPlex passando il parametro -p porta alla riga di comando e connettersi da qualsiasi browser web all'URL http://localhost oppure http://localhost:porta, se la porta è diversa da quella 80.

Comando

Descrizione

NPACCESSED Mostra generalmente quali newsgroup hanno avuto accessi dai newsreader o sono stati aggiornati.
NPASYNC [min-lines] Abilita il caricamento asincrono degli articoli per gli articoli più lunghi di min-lines e che sembrano contenere binari. Se min-lines viene preceduto con un meno, tutti gli articoli più lunghi di min-lines saranno caricati in modo asincrono. Passare a min-lines un valore pari a 0 disabilita il caricamento asincrono degli articoli, ma non ferma il caricamento di quelli già in programma. Il comando NPASYNC mosta anche l'elenco degli articoli che sono stati caricati asincronicamente, seguiti da una riga che fornisce il conto e il totale del numero dei byte.
NPCHECKGROUPS [mode] Confronta il database degli articoli con i file newsrc e opzionalmente rimuove i riferimenti pendenti degli articoli. Questi riferimenti possono apparire se NewsPlex viene brutalmente terminato prima di aver salvato le modifiche effettuate in un file database, mentre le corrispondenti modifiche compiute sul file newsrc sono già state salvate (nel caso opposto, NewsPlex avrebbe semplicemente caricato nuovamente alcune descrizioni degli articoli). mode specifica la modalità operativa:

0 - controlla solo, modalità silenziosa
1 - controlla solo, modalità informativa
2 - corregge gli errori, modalità silenziosa
3 - corregge gli errori, modalità informativa

Se un newsserver viene esplorato durante l'immissione di questo comando, per esso non sarà effettuato alcun controllo.

NPCLOSE server-number Chiude tutte le connessioni non operative al dato newsserver.
NPCONNECTED Mostra quali newsserver sono attualmente connessi. Questo può valere sia per l'esplorazione, sia per il caricamento di un articolo sulla richiesta di un newsreader. Le connessioni vengono mantenute aperte pochi minuti anche quando non operative, in modo da minimizzare il tempo necessario per riutilizzare un newsserver.
NPDELETEOLD days Cancella le descrizioni degli articoli più vecchie di days in tutti i newsgroup. Gli articoli che non hanno una Date riconoscibile, saranno tenuti.
NPDELETESERVER server-number Cancella un newsserver non più utilizzabile.

Se un newsserver diventa inutilizzabile, come si evince dal file explore/server-name, potete cancellarlo da NewsPlex usando NPDELETESERVER server-number. NPGLOBALSTATS non mostrerà più alcun articolo relativo ad esso. Dopo potrete anche cancellarlo dal file config/servers.

NPEXPLORESERVER server-number Esplora immediatamente un newsserver piuttosto di attendere fino al suo turno. Questo comando torna anche utile se NewsPlex è stato avviato con l'aggioramento automatico disabilitato (-u).
NPFILTER Applica i filtri spam presenti nel file config/filters al newsgroup corrente. Dopo aver selezionato un newsgroup con il comando group nomegruppo, potete immettere NPFILTER per applicare il set corrente di filtri presente nel file config/filters a questo gruppo. Notate che altri file presenti nella cartella config sono solo letti durante l'avvio.
NPGLOBALSTATS Mostra le statistiche di fornitura per tutti i newsgroup.

NewsPlex mostrerà per ogni newsserver quanti articoli abbia e quanti di essi sono unici. Se un dato newsserver non appare nell'elenco, NewsPlex non ha ricevuto alcun articolo da esso.

NPGROUPSTATS Mostra le statistiche di fornitura per il newsgroup corrente. Dopo aver selezionato un newsgroup con il comando group name, potrete immettere NPGROUPSTATS per vedere i newsserver che portano articoli per quel newsgroup.
npmarkretrieved article-number Segna gli articoli article-number nel newsgroup corrente come caricati (leggete la sezione più sotto).
NPRENUMBER level Questo comando permette di aiutare il dialogo con newsserver indisponibili (il caricamento asincrono degli articoli è un altro modo).

Se nessun newsserver avente almeno un articolo è raggiungibile, NewsPlex, in modo predefinito, invierà al newsreader

  500 No server having article is reachable

Tuttavia, ad alcuni newsreader il messaggio non piace e preferiscono non richiedere ulteriormente gli articoli.

Se NPRENUMBER è attivato, NewsPlex invierà invece

  423 no such article number in this news-group

che farà in modo che il newsreader pensi semplicemente che l'articolo è stato cancellato, in modo da caricare correttamente gli articoli successivi.

Tuttavia, NewsPlex creerà una nuova relazione per l'articolo che sarà visto dal newsreader la prossima volta che richiederà nuovi articoli. Ci sono due modi possibili per creare questa nuova relazione:

  1. Muovere l'articolo in una nuova posizione (NPRENUMBER 1).
    Questa è una procedura pulita, ma alcuni newsreader controllano gli articoli in crosspost usando Message-ID e ignoreranno gli articoli aventi lo stesso Message-ID come un vecchio articolo, anche se questo vecchio articolo è stato segnalato come cancellato in precedenza.
  2. Cambiare il Message-ID (NPRENUMBER 2).
    Questo permette di risolvere il problema del punto 1. NewsPlex altera il Message-ID per fare in modo che l'articolo sembri nuovo. Purtroppo, l'articolo non apparirà nella posizione corretta all'interno del thread al quale appartiene: perderà i suoi followup.

E' possibile ripristinare l'andamento normale immettendo NPRENUMBER 0.

NPRESTART Termina e riavvia NewsPlex immediatamente. Tutti i file di configurazione saranno ricaricati. I parametri a linea di comando originari, rimarranno attivi.
NPSERVERS Mostra le informazioni sull'uso dei newsserver. Per ogni newsserver, NewsPlex mostrerà se sono già state caricate le descrizioni degli articoli durante la sessione corrente. Altre informazioni sono l'ora dell'ultima esplorazione, la velocità attuale, il numero di articoli e byte caricati e se il newsserver permette il posting.
NPSHUT Termina NewsPlex.
 

Parametri a riga di comando

NewsPlex, all'avvio, accetta i seguenti parametri a riga di comando.

Parametro

Descrizione

-a count Esegue count carichi asincroni di articoli alla volta invece di 4 (predefinito), ammesso che il caricamento asincrono sia abilitato. Questo parametro dovrebbe essere pari alla velocità della vostra connessione Internet divisa per la velocità media di un socket del vostro newsserver.
-b NewsPlex funziona in background con la finestra nascosta.

NewPlex in modo predefinito mostra e blocca la finestra MS-Dos dal quale viene avviato. Il parametro -b fa sì che NewsPlex si posizioni in background. Con Windows 95, questo libera la finestra e permette di far funzionare altri programmi da essa.

Su Windows NT, NewsPlex deve essere avviato con start NewsPlex -b, altrimenti la finestra non sarà liberata e non potrà nemmeno essere usato Ctrl-Break (pausa) per terminare NewsPlex.

-d dir Usa la cartella dir come cartella di lavoro per i file, piuttosto di quella dal quale NewsPlex viene avviato.
-e Abilita la modalità insecure e permette la connessione remota. Originariamente, sono possibili solo le connessioni dalla macchina sul qual gira NewsPlex.
-f Cancella gli articoli indesiderati. Se viene fornito questo parametro, il file config/filters sarà come segue: tutte le righe comincianti con # e tutte le righe vuote saranno ignorate. Le altre righe dovranno essere composte di: un modello per il campo From, seguito da una tabulazione e un modello per il campo Message-ID degli articoli da cancellare. Le wildcard (* e ?) potranno essere usate in entrambi i modelli. Ad esempio:
  # questo è un commento
annoying@annoying.com <*@annoying.com>

# questo è un altro commento
lamer*@lamers.com <lamers*@*lamers.com
-g min-lines Abilita il caricamento asincrono per gli articoli più lunghi di min-lines e che sembrano contenere binari. Se min-lines è preceduto da un meno, tutti gli articoli più lunghi di min-lines saranno caricati asincronicamente.
-h NewsPlex stamperà a video un breve aiuto sui parametri a linea di comando e terminerà.
-i Termina NewsPlex se viene perduta la connessione a Internet. Questa opzione funziona solo se l'autoaggiornamento è attivo (-u non deve essere specificato).
-m Esegue un'esplorazione in modalità minima (minimal) dei newsserver e termina NewsPlex. Questo comando fa funzionare NewsPlex in Minimal mode e testa solo i newsserver elencati nel file config/servers.

NewsPlex cercherà di connettersi a ognuno di essi e caricherà un'intestazione per ogni newsgroup disponibile. Se nessuno articolo potrà essere caricato, l'intera sessione sarà registrata in logs/unusable. Altrimenti, il log della sessione sarà reperibile in explore/nome-server. Né la cartella database, né quella newsrc saranno usate o create.

-n Rinumera gli articoli se il newsserver non è raggiungibile. Questo è equivalente al comando NPRENUMBER. Specificare questo paramentro una volta provoca la rinumerazione al livello 1, mentre specificarlo due volte imposta il livello a 2.
-p port Usa la porta port per stabilire il newsserver NNTP. In origine, NewsPlex usa la porta standard 119.
-r L'elenco dei newsserver è grezzo.
Se viene specificato questo parametro, NewsPlex attenderà un formato più semplice per l'elenco dei newsserver in config/servers, senza l'identificativo server-numbers nella prima colonna:
		server-url [flags] [# comment]

Le voci con lo stesso server URL saranno unite: ogni newsserver viene esplorato una volta soltanto se si presenta più volte nell'elenco. E' possibile usare il file logs/results come un file config/servers grezzo per la prossima esplorazione.

-s NewsPlex non si pone come newsserver NNTP
-t Nomi file corti nella convenzione 8.3
Questo parametro fa sì che NewsPlex crei i file seguendo le convenzioni di MS-Dos per i nomi dei file. In questo modo NewsPlex può girare su file-system che non supportano i nomi lunghi. Questo parametro non è ancora completamente implementato poiché la cartella database riporta ancora i nomi dei gruppi per esteso.
-u Non autoaggiorna il database degli articoli. E' ancora possibile esplorare un newsserver specifico usando il comando NPEXPLORESERVER.
-x Non usa la richiesta NNTP XGTITLE per ottenere l'elenco dei gruppi.
Normalmente, NewsPlex non usa XGTITLE per ottenere l'elenco dei newsgroup che corrispondono un dato modello. Tuttavia, se il newsserver non supporta la raccolta dei nomi dei newsgroup usando le wildcard, allora XGTITLE sarà usato. Dato che questo comando è spesso inattivo e non restituisce tutti i possibili newsgroup, il parametro -x permette di evitare il suo impiego. In questo modo NewsPlex otterrà l'intero elenco dei newsgroup per filtrarlo localmente.
-w port Crea un Web server sulla porta port per controllare NewsPlex da un browser Web. La porta 80 è il valore standard che potete usare.
-D Se viene specificato questo parametro, NewsPlex darà un'occhiata alle date dei file newsrc e ritarderà l'esplorazione dei newsserver per i quali la data dei loro file è troppo recente. Se riavviate NewsPlex dopo una breve interruzione, è meglio specificare questo parametro.
-I Assume che il computer sia sempre Online. Usate questa opzione se NewsPlex non è in grado di riconoscere correttamente se siete connessi a Internet in un dato momento.

Questo parametro ingrandirà più facilmente i log con informazioni scarsamente interessanti sugli host unreachable. Inoltre, causerà la rinumerazione (leggete in proposito il comando NPRENUMBER) da compiere nel momento in cui proverete a richiedere un articolo senza essere connessi a Internet.

-M Questa opzione fa sì che NewsPlex all'avvio legga il file etc/retrievd e segni come caricati (leggete la sezione sotto) tutte le descrizioni degli articoli i cui Message-ID sono elencati in questo file.
-N Questa opzione fa sì che NewsPlex restituisca sempre un elenco vuoto di newsgroup in risposta al comando NEWGROUPS. Altrimenti Il comportamento originario sarebbe stato la restituzione di un elenco completo di newsgroup.
-R Abilita la marchiatura delle descrizioni degli articoli caricati nel database degli articoli (leggete la sezione sotto). Inoltre, questo parametro abilita la registrazione dei Message-IDs degli articoli caricati nel file etc/retrievd.
-S Evita i newsgroup che sembrano vuoti nell'elenco globale dei newsgroup quando esplora i newsserver. Originariamente, NewsPlex cerca di esplorare i newsgroup che sembrano vuoti con altri mezzi al fine di trovare tutti gli articoli che questi potrebbero contenere malgrado le possibili incoerenze nelle informazioni fornite dal newsserver. Tuttavia, questo non è degno di tale operazione nella maggior parte dei casi.
-T count Esplora count newsserver alla volta invece del solito. Solitamente, vengono esplorati fino a 8 newsserver alla volta in modalità normale e 16 in modalità minima (minimal mode). Questo è conveniente per le connessioni modem PPP. Incrementare questo numero può velocizzare le cose se siete dotati di una connessioni a Internet veloce. Altrimenti, potrebbe rendere le peggiori le cose a causa dei limiti intrinseci nella connessione e degli errori di timeout. Inoltre, più newsserver vengono esplorati alla volta, più CPU e memoria saranno usate.
 

Aggiungere ed eliminare newsserver

Prima di aggiungere un nuovo newsserver al file config/servers, è necessario fermare NewsPlex. Successivamente dovrebbe essere riavviato.

Per cancellare un newsserver, per esempio perché è diventato inutilizzabile per un certo tempo, prima cancellate la descrizione degli articoli che ancora puntano ad esso usando il comando NPDELETESERVER, dopo cancellate o commentate le sue voci nel file config/servers e riavviate NewsPlex.

Tenere traccia degli articoli caricati

NewsPlex ha una caratteristicha che vi può aiutare a evitare il doppio caricamento dello stesso articolo nel caso in cui:

  • cambiate il vostro newsreader
  • perdiate alcune informazioni di configurazione del newsreader
  • usiate diversi newsreader allo stesso tempo
  • aggiungiate all'elenco un newsserver contenente vecchi articoli (leggete sotto).

Se avviate NewsPlex con il parametro -R, NewsPlex modificherà la descrizione degli articoli nel database nel momento in cui questi vengono caricati con successo la prima volta da parte di un newsreader. NewsPlex aggiungerà un prefisso "/r " al campo From presente nella descrizione degli articoli. Per esempio, se un articolo che era in precedenza proveniente da "John Doe <john@doe.com>" diventerà "/r John Doe <john@doe.com>".

Gli articoli non vengono modificati mentre stanno per essere caricati.

Se un newsreader più tardi richiedesse un elenco completo di articoli per un newsgroup, otterrebbe le descrizioni degli articoli modificate. Normalmente, i newsreader richiedono solamente le descrizioni dei nuovi articoli, in modo da non vedere le descrizioni modificate a meno che essi non richiedano tutti gli articoli.

NewsPlex ha un secondo modo di ricordare quali articoli sono già stati caricati: NewsPlex archivia i loro Message-ID nel file etc/retrievd. Questa caratteristica è abilitata solo con il parametro a linea di comando -R. Permette di tenere le informazioni anche dopo la scomparsa dell'articolo dal newsserver dove è stato raccolto e di lì in poi le descrizioni degli articoli contenenti il prefisso "/r " sono cancellate.

Il parametro a linea di comando -M fa sì che NewsPlex legga il file etc/retrievd all'avvio o al riavvio e segni con "/r " tutti gli articoli i cui Message-ID sono elencati in questo file.

Questo parametro è utile se avete introdotto un nuovo newsserver nel file config/servers e questo ha articoli che avete già caricato nel passato, ma che non esistono più in nessun altro newsserver. Eccetto per la data, tali articoli apparirebbero come nuovi perché NewsPlex non tiene le informazioni sugli articoli una volta in cui essi spariscono dai newsserver remoti. Se il parametro -M viene specificato, NewsPlex segnerà questi vecchi articoli con "/r " e potrete così evitare di caricarli nuovamente.

Attualmente non c'è modo di fare l'opposto, ovvero trasferire i Message-ID degli articoli caricati in precedenza dal database degli articoli in un file.

Codici di errore

Se NewsPlex fallisce l'avvio, stampa un messaggio diagnostico. Questo messaggio viene anche rilevato nel file journal. NewsPlex restituisce inoltre un specifico codice di errore. Attualmente, sono possibili i seguenti codici di errore.

typedef enum {
ERROR_OK, /* No problem */
ERROR_HELP, /* Help was printed */
ERROR_BAD_OPTION, /* Bad option was passed */
ERROR_NO_WORK_DIR, /* Missing work directory */
ERROR_NO_JOURNAL, /* Could not open the journal file */
ERROR_ANOTHER_SERVER, /* Another server already running on port */
ERROR_NO_CONFIG, /* The config directory does not exist */
ERROR_NO_GROUPS_YES, /* Missing config/groups.yes file */
ERROR_NO_LOGS, /* Could not create the logs directory */
ERROR_NO_ETC, /* Could not create the etc directory */
ERROR_NO_LIST, /* Could not create the list directory */
ERROR_NO_EXPLORE, /* Could not create the explore directory */
ERROR_NO_ASYNC, /* Could not create the async directory */
ERROR_NO_LONGNAMES, /* -t not specified but disk is 8.3 only */
ERROR_NO_NEWSRC, /* Could not create the newsrc directory */
ERROR_NO_DATABASE, /* Could not create the database directory */
ERROR_NO_UNUSABLE, /* Could not create the logs/unusable file */
ERROR_SERVERS, /* Error in the config/servers file */
ERROR_GROUPS_FILES, /* Error when processing the groups files */
ERROR_ASYNC, /* Error when initializing async gets */
ERROR_NNTPSERVER, /* Could not establish an NNTP server */
ERROR_ASYNC_THREADS, /* Could not create async retrieval threads */
ERROR_MAX /* Dummy end of error list */
} eStartupErrors;

Installare NewsPlex sul desktop di Windows

Potete creare un collegamento per NewsPlex sul desktop di Windows, passando il parametro opportuno.

Trascinate l'icona di NewsPlex sul desktop dalla cartella dove avete decompresso la distribuzione; questo crea un collegamento per il programma. Selezionate Proprietà dal menù contestuale attivabile con il pulsante destro del mouse, cliccate sul menù Collegamento e cercate la casella "Destinazione" aggiungendo uno spazio e tutti i parametri necessari (almeno -b probabilmente per le operazioni in background) alla fine della linea di comando con il collegamento.

Nella casella "Da" immettete la cartella di lavoro dove avete creato la cartella config e i file config/servers e config/groups.yes. Potete anche passare il nome della cartella con il parametro a linea di comando -d.

Nella casella di riepilogo "Esegui", selezionate Ridotta a icona in modo da evitare che,all'avvio di NewsPlex, Windows apra inutilmente la finestra a pieno schermo.

Potete cambiare l'icona, usando la finestra di dialogo associata al pulsante "Cambia icona" e impostare l'icona con il file newsplex.bmp fornito con NewsPlex.

Finalmente, potete rinominare il collegamento in NewsPlex cambiando il nome del collegamento a NewsPlex.lnk. Il file è collocato nella sottocartella Desktop della cartella di installazione di Windows 95. Su Windows NT, viene collocato nella cartella Desktop del vostro profilo